credito-imposta-stampanti-3d-2020 AGGIORNAMENTO 1

credito-imposta-stampanti-3d-2020 AGGIORNAMENTO Lascia un commento

credito-imposta-stampanti-3d-2020 AGGIORNAMENTO 2


Aggiornamento 2020: acquista Stampanti 3D con supersconto grazie alla Finanziaria 2020
28 Dicembre 2019/in Blog /
Novità 2020: arriva un interessantissimo Credito d’Imposta di oltre il 40% sulle stampanti 3d che privilegia le micro e piccole imprese. Viene inoltre agevolata anche la formazione dei dipendenti su Industria 4.0.

Cosa cambia:
Il passato
Negli scorsi anni vigeva il regime di super e iperammortamento: Il provvedimento dava la possibilità di portare ad ammortamento il 250% circa del valore di acquisto di beni che “favoriscono i processi di trasformazione tecnologica e/o digitale in chiave Industria 4.0”. Il vantaggio economico in quei casi era diluito nel tempo, 5 anni, e non era strettamente evidente dato che transitava attraverso l’ammortamento del bene.

Il 2020
Il Credito d’Imposta si può invece utilizzare immediatamente per ottenere il vantaggio economico-fiscale certo, senza dover passare da un maggiore ammortamento. In pratica l’azienda riceve un risparmio complessivo certo sulle imposte pari ad almeno il 40% del costo della stampante 3d (in realtà è ancora di più per PMI).

Significa ottenere uno sconto di almeno 40% sulla stampante 3d.

credito-imposta-stampanti-3d-2020

Iper e Super nel 2020:
Il credito d’imposta è modulabile e dipende sia dal tipo di impresa che dal tipo di bene acquistato. Le nostre stampanti 3d in versione Industria 4.0 ad es. soddisfano i requisiti per ottenere il massimo dello sconto.
Entriamo nel dettaglio per capire meglio:

L’iper ammortamento viene rimpiazzato da un credito d’imposta per gli investimenti in beni 4.0 così suddiviso:

nella misura del 40% del costo di acquisto per la quota di investimenti fino a 2,5 milioni di euro;
nella misura del 20% per la quota di investimenti oltre 2,5 milioni di euro e fino al limite massimo dei costi ammissibili, pari a 10 milioni di euro.
Il super ammortamento per gli investimenti in beni strumentali viene sostituito da un credito d’imposta del 6% valido per l’acquisto di beni strumentali effettuato dal 1° gennaio 2020 fino al 31 dicembre 2020, ovvero entro il 30 giugno 2021, a condizione che entro la data del 31 dicembre 2020 il relativo ordine risulti accettato dal venditore e sia avvenuto il pagamento di acconti in misura almeno pari al 20% del costo di acquisizione.

E non finisce qui, perché a queste agevolazioni si sommano quelle della Nova Sabatini!

NUOVA SABATINI 2020
La Nuova Sabatini, riceve nel 2020 una maggior dotazione di 540 milioni! Viene confermata la maggiorazione della misura dal 2,75% al 3,575% per i beni 4.0 e l’apposita riserva del 30% delle risorse; viene poi introdotta una maggiorazione al 5,5% per rafforzare il sostegno agli investimenti innovativi realizzati dalle micro e piccole imprese nelle Mezzogiorno.
Significa che se una PMI del sud acquista una stampante 3d avrà uno sconto fiscale pari al 45,5% del valore della stampante 3d!

Anche la Sabatini viene poi declinata in chiave green: il 25% delle risorse è infatti riservato alle micro, piccole e medie imprese che operino acquisti di macchinari, impianti e attrezzature nuovi di fabbrica ad uso produttivo, a basso impatto ambientale, nell’ambito di programmi finalizzati a migliorare l’ecosostenibilità dei prodotti e dei processi produttivi. Anche in questo caso l’aliquota è maggiorata al 3,575%.
Anche in questo caso le nostre stampanti 3d possono godere di questo tipo di agevolazione, se opportunamente supportati da un progetto che ne dimostri l’utilità.

credito imposta 2020 formazione industria 4.0

E per finire in bellezza: CREDITO D’IMPOSTA PER FORMAZIONE INDUSTRIA 4.0
Il credito d’imposta per la formazione 4.0 dei lavoratori dipendenti viene prorogato per 3 anni. Stanziati a copertura della misura per il 2021, 150 milioni di euro.
Condizioni:

credito al 50% alle piccole imprese (tetto massimo 300 mila euro);
credito al 40% per le medie imprese (tetto a 250 mila);
credito al 30% per le grandi imprese (tetto a 250 mila);
credito aumentato al 60% in caso di lavoratori svantaggiati o ultra svantaggiati, per un solo anno e per tutte le imprese, nel rispetto dei limiti annuali di spesa; fruibile in due quote e solo in compensazione con debiti di natura tributaria.

Tutte le stampanti 3D che essere collegate e controllate dalla rete aziendale e possono essere monitorate in continuo via web, dotate di interfaccia TFT touch screen segnalando allarmi su eventuali problemi accorsi durante il processo di stampa. Rientrano quindi nelle categorie che possono accedere alle sovvenzioni.

E adesso come si procede?
Contattaci per ricevere maggiori informazioni e/o un preventivo al +39 0882 276 485 o a [email protected]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *